Contact us
    Office Hours: 8:30am - 5:30pm (GMT)

ME / CFS

Eradicazione completa nel 90% dei casi

La Encefalomielite Mialgica (ME) detta anche Sindrome da affaticamento cronico (CFS), è una patologia a base probabilmente virale.

Alla GcMAF Conference 2013 è emerso che nel 50% dei casi la ME/CFS può essere curata; un enorme successo se si considera che l’anno scorso le guarigioni si stimavano intorno al 30%.

Le cause della ME/CFS sono molteplici e tra queste un sistema immunitario indebolito e lo stress  giocano un ruolo cruciale. Il tempo necessario per il recupero dipende dai vari tipi di ME e dai fattori coinvolti come intossicazione da fosfati e pesticidi oppure alterazioni del sistema digerente e dell’apparato endocrino.

Le persone affette da ME/CFS mostrano alti livelli di nagalasi e compromissione del sistema immunitario dovuti a virus che prevengono la formazione del GcMAF endogeno.

70 persone affette da ME stanno assumendo GcMAF, molte delle quali attraverso i 4 medici specialisti in ME.

Nonostante tutti i soggetti coinvolti nello studio garantiscano di fornirci un report, soltanto il 15% si attiene a questa nostra richiesta. Per tale motivo abbiamo informazioni provenienti solo da 22 pazienti; purtroppo non abbiamo modo di contattare direttamente i pazienti specialmente se questi assumono GcMAF attraverso i loro medici e anche gli stessi medici non sempre rispondono.

Dei 22 pazienti che ci hanno fornito informazioni, 15 hanno riportato dei miglioramenti. Non è certo un grande numero per dire che il tasso di risposta positiva è stato del 65% (un centinaio di pazienti sarebbe stato un numero ragionevole, 22 no).

8 dei 15 pazienti riferiscono una guarigione completa; la guarigione più rapida è avvenuta in 2 settimane e dopo solo 2 dosi di GcMAf senza nessun altro supplemento. Nella maggior parte dei casi tuttavia occorrono almeno 3 mesi di trattamento.

12 pazienti hanno riportato effetti collaterali relativi al sistema immunitario mentre 4 non hanno riportato alcun effetto collaterale.

Pertanto, 15 su 22 sono migliorati; tuttavia 3 sono temporaneamente peggiorati prima di migliorare (questo indica che alla fine comunque la patologia può essere curata).

Sfortunatamente i virus sono “furbi”. Nel caso della ME sembra che i virus blocchino il VDR (Recettore della Vitamina D) “nascondendosi” grazie alla formazione di biofilm.  Al momento in cui il sistema immunitario rafforzato grazie all’azione del GcMAF mette in pericolo la loro sopravvivenza essi possono uscire dalla condizione di latenza in cui si trovano per tornare all’attacco. Per evitare ciò sarebbe opportuno iniziare con basse dosi di GcMAF come 0.05ml, poi aumentare la dose ed eventualmente ridurla di nuovo quando i virus si “ridestano”.

Alcune persone tuttavia riportano un semplice miglioramento.

Risultati preliminari hanno dimostrato che l’ LDN (Low Dose Naltrexone) blocca i progressi indotti dal GcMAF.

Essendoci  attualmente circa 4.000 persone che stanno assumendo GcMAF possiamo affermare che il GcMAF in quanto tale non induce effetti collaterali negativi. Quando essi compaiono, sono dovuti alla ricostituzione del sistema immunitario.

Sviluppi su GcMAF/ME 

Non abbiamo dubbi che il GcMAF e il sistema immunitario si dimostreranno in grado di curare la ME; le ricerche che noi e altri scienziati stiamo portando avanti lo dimostreranno.

Nel frattempo, per migliorare il tasso di risposta positiva, sarebbero necessari oltre al GcMAF, anche vitamina D (10.000 UI al giorno), zinco, magnesio e probiotici. MMS, diossido di cloro (che agisce sullo stato ossidativo), bromelina e papaina possono favorire l’attività di enzimi che distruggono i biofilm. Nella ME l’esercizio fisico sembra invece creare più danno che beneficio.

Se volete detossificarvi: vitamina A emulsificata, selenio e vitamina E (per favorire l’attività del sistema linfatico nell’eliminare eventuali “sostanze di rifiuto”). Chi non risponde subito al GcMAF può rispondere assumendo Chlorella con olio di fegato di merluzzo che corregge il rapporto tra vitamina A e D. Tali sostanze si legano ai metalli pesanti e li chelano consentendo così l’assorbimento di eventuali minerali mancanti.

Non dimenticate di assumere abbondanti quantità di lipidi (carne e pesce) necessari per il corretto funzionamento del sistema immunitario e del sistema nervoso. Evitate diete vegetariane. Consultate la sezione  “Treatment Strategies” (Terapie) sulla sinistra del sito http://gcmaf.eu

David Noakes. 00 44 7781 411 737

© 2013 GcMAF.se - GcMAF All Rights Reserved | Site built by STRATAGEMdesign
go to top